Crea sito

Fabbriche di carne.

Da Nemesi Animale - Fabbriche di carne

Fabbriche di carne è il frutto di 9 mesi passati a raccogliere informazioni e immagini video e fotografiche degli allevamenti di maiali in Italia. Tra il 2011 e il 2012 siamo entrati in più di 50 allevamenti, di giorno e di notte. Lo abbiamo fatto senza aver avuto alcun invito o autorizzazione. Per testimoniare lo stato di cose quotidiano, non preparato ad arte per una qualche visita, e per mostrare che certe situazioni non sono eccezioni ma parte integrante di un sistema di produzione. Un viaggio in un inferno che ci ha portato a contatto diretto con le vittime di questo sistema di schiavitù e con i loro sguardi, che chiedono la libertà e si perdono nell'indifferenza. Corpi feriti, mutilati, ricoperti di escrementi, soggetti a temperature rigide in inverno e soffocanti in estate, privati di qualsiasi dignità e possibilità di esprimere la propria natura. La sola cosa che possono fare è guardare quello che viene loro inflitto. Da questo inferno dantesco verranno trascinati fuori a calci, a bastonate o con l'impiego di scosse elettriche per essere buttati su un camion diretto al macello.

Taiji, la mattanza di delfini non ha fine.

Non soltanto la città giapponese di Taiji non mostra alcuna inclinazione a mettere fine al brutale massacro dei cetacei per cui è famigerata in tutto il mondo. Di recente, ha espresso anche la volontà di rinchiudere gli esemplari rubati al mare in un acquario a poca distanza dalla baia rosso sangue.
La municipalità cittadina avrebbe annunciato di avere intenzione di aprire un parco acquatico nel quale i turisti potranno nuotare con i cetacei prelevati nel corso dell’eccidio. Non solo: i visitatori potranno anche cenare pasteggiando a carne di delfino e di altri “prodotti marini” mentre osservano gli esemplari vivi nelle vasche. Sempre secondo la municipalità, l’apertura di un parco marino con degustazione di carne di delfino rappresenta il primo passo nel “piano a lungo termine di Taiji di trasformarsi in una città-parco”. Infine, ha confermato che l’apertura del parco acquatico è finalizzata a sostenere la caccia ai cetacei.
Secondo il rapporto della Prefettura di Wakayama, nel 2012 sono stati sterminati o catturati nella baia 1277 cetacei, e la quota permessa arriva fino a 2026. La maggior parte degli animali imprigionati nella baia vengono ferocemente massacrati per la loro carne (che è carica di mercurio). Una piccola percentuale viene venduta ad acquari e parchi fuori dai confini del Giappone. La creazione del nuovo, aberrante parco marino a Taiji significherà, per questi cetacei, il confinamento a vita in una struttura a pochi passi dal mare dove avevano sempre nuotato liberamente.
I conservazionisti, ovviamente, non sono d’accordo con i programmi della municipalità cittadina. L’associazione IKAN commenta: “L’intero piano è basato sulla convinzione di poter sfruttare liberamente balene e delfini, come se fossero loro risorse, ma questi mammiferi non appartengono alla città di Taiji. I mammiferi marini migrano lungo gli oceani, e l’opinione pubblica internazionale è che gli animali selvatici dovrebbero avere la possibilità di vivere liberamente. Il programma della municipalità non farà che infervorare le proteste”.

Fowl Play - La verità sulle uova

Questo documentario mostra come funzionano gli allevamenti di galline ovaiole, la sofferenza, l'agonia e la morte che questi animali devono affrontare solo perché le persone possano avere sulla loro tavola un "cibo" inutile e dannoso per la salute come le uova.

Si basa su indagini effettuate negli allevamenti degli Stati Uniti, ma gli stessi allevamenti si trovano in tutto il mondo, Italia compresa, come hanno dimostrato recenti investigazioni svolte nel nostro paese.
I metodi sono identici, com'è ovvio che sia, visto che si tratta di allevamenti standardizzati che hanno come unico scopo il maggior profitto possibile. Il destino di questi animali è il medesimo, dappertutto, e la fine è sempre il macello, in qualsiasi tipo di allevamento.

Nel documentario vengono mostrate interviste con attivisti che hanno svolto investigazioni sotto copertura e con veterinari e biologi che spiegano come galline e polli siano animali sensibili e intelligenti, che provano emozioni e sentimenti, come qualsiasi altro animale.

Adatto a ragazzi e adulti, particolarmente indicato per la visione nelle scuole dalle medie inferiori in su.

Maiali al macello

Queste riprese, fatte in un macello italiano nel 2012, mostrano il "normale" modo per tramutare gli animali da esseri senzienti a "prodotti" per il consumo. L'uccisione avviene con una violenza "asettica", non guidata da sadismo, ma da totale insensibilità, perciò ancora più spaventosa.
 

VEGAN per le persone, per il pianeta, per gli animali.

La verità  sul latte

La produzione in massa di latte è un' operazione utile solo a fare economia.

Fabbriche di uova

Video completo del documentario FABBRICHE DI UOVA. Un'investigazione di "essereAnimali" all'interno degli allevamenti di galline ovaiole. Il loro obiettivo è stato quello di portare alla luce immagini attuali e provenienti da ogni tipologia di allevamento intensivo (in Gabbia, a Terra, all'Aperto e Biologico) praticato in Emilia Romagna, per rendere pubblico quello che quotidianamente questi animali devono sopportare per soddisfare un consumo di uova che a molti può sembrare privo di sfruttamento.

A partire dalla fine del Dicembre 2011 e per i due mesi successivi, hanno individuato più di 50 allevamenti nelle province di Bologna, Cesena, Ferrara, Forlì, Ravenna e Rimini. In 27 di questi hanno filmato e fotografato le condizioni degli animali imprigionati, ottenendo più di 15 ore di registrazioni video e oltre 1000 fotografie.

Maggiori informazioni cliccando nell'immagine qui sotto.
 

La verita' sul Tonno Rosso!

Documentario di Chris Jordan

Un video da vedere e diffondere per far capire quanto male faccia il comportamento dell'uomo al nostro pianeta ed a tutti i suoi abitanti inconsapevoli.

 

Film documentario: Un equilibrio delicato.

Questo documentario esamina il legame tra alimentazione e salute umana e fornisce informazioni per fare le scelte più corrette per prevenire le malattie e vivere più sani.
 

Carne, la verita' sconosciuta.

Un documentario con le migliori e più aggiornate informazioni scientifiche sui cambiamenti climatici e il loro legame con l'allevamento di animali: l'industria dell'allevamento causa il 18% dell'effetto serra totale, una percentuale simile a quella dell'industra, e maggiore di quella dell'intero settore dei trasporti pubblici e privati (13,5%). Con un linguaggio accessibile a tutti, interviste con scienziati, animazioni, statistiche, il documentario intende dare un importante contributo al dibattito pubblico sul tema, mostrando come un'alimentazione  basata su ingredienti vegetali sia necessaria per diminuire drasticamente l'impatto sull'ambiente della produzione di cibo. Il documentario è adatto a giovani e adulti, particolarmente indicato per la visione nelle scuole superiori e nelle università. Le informazioni scientifiche derivano e sono state convalidate dalla FAO (Organizzazione per l'Agricoltura e l'Alimentazione dell'ONU), dal World Watch Institute e dall'Istituto per gli Studi Ambientali della Libera Università di Amsterdam.

L'importanza di rendere note al pubblico queste informazioni sta nel fatto che ciascuno di noi, come singolo cittadino, può fare moltissimo per alleviare il proprio peso sull'ambiente e quello che possiamo fare sul fronte della scelta del nostro cibo è decisamente più potente di quello che possiamo fare in ogni altro campo!
 

Food Inc - Cibo Spa

Food Inc. è un documentario del 2008 di Robert Kenner che smaschera i misteri che stanno dietro la produzione di massa di cibo negli Stati Uniti. La sua analisi? I produttori nascondono volontariamente ai consumatori informazioni su origine, ingredienti e il processo di produzione.

Nello sviluppo della sua inchiesta Kenner va alla prima fase della catena, cioè direttamente negli allevamenti di animali e nelle industrie agricole. Il regista dimostra che la produzione di cibo negli Stati Uniti è in mano ad alcune grandi corporazioni che, con il pretesto di accrescere l'efficienza e la salute dei consumatori abbassano gli standard d'igiene, le condizioni lavorative e l'allevamento degli animali.

Il miglior discorso che potrai mai sentire

L' ispirante intero discorso di Gary Yourofsky sui diritti animali e sul veganismo tenuto presso il Georgia Institute of Technology nell'estate del 2010. Ascoltate questo divulgatore straordinario che farà saltare via tanti miti, fornendo alla vostra mente dati e fatti interessanti, che possono aiutarvi a fare scelte etiche per l'anima e un cuore sano. Il suo stile carismatico e diretto è unico nel suo genere - un must per chiunque abbia a cuore gli animali non umani e desideri rendere il mondo un posto migliore.
 

Breve documentario: Facciamo il collegamento

Tutti i motivi per essere vegan raccontati da tante persone che hanno fatto questa scelta: per gli animali, la salute, la cucina, l'ambiente, la società, la forma fisica.

In questo bellissimo documentario, realizzato da Environment Films per la Vegan Society inglese, vengono intervistate diverse persone: cuochi, un'atleta, una mamma vegan, una nutrizionista, una deputata, un direttore e un consulente di un'azienda agricola senza animali, ambientalisti, una ricercatrice, un autore e poeta. Tutti spiegano, con dati interessanti ed esempi personali, come la scelta vegan sia vincente da ogni punto di vista: il futuro per tutti.

È possibile scaricare la versione ad alta risoluzione (per proiezioni in conferenze e scuole) da questo link: http://media.tvanimalista.info/facciamo-il-collegamento.avi

Earthlings - Siamo tutti terrestri.

Earthlings è un documentario antispecista del 2005 scritto, prodotto e diretto da Shaun Monson e narrato dall'attore ed animalista Joaquin Phoenix. La colonna sonora è stata composta dal musicista ed attivista dei diritti animali Moby. Il documentario ha avuto un grande successo presso le comunità animaliste di tutto il mondo. Il filosofo animalista Peter Singer ha detto:
« If I could make everyone in the world see one film, I'd make them see Earthlings. » che tradotto vuol dire
« Se potessi mostrare un film ad ogni persona nel mondo, sceglierei Earthlings. »
Il film descrive gli usi che gli esseri umani fanno degli animali, cibandosene, ricavandone materiali per produrre vestiario e altro, usandoli come intrattenimento o compagnia, sfruttandoli per la sperimentazione scientifica. Questo racconto viene sviluppato da un punto di vista antispecista; il concetto stesso di "antispecismo" viene presentato all'inizio del film, in relazione con i termini "razzismo" e "sessismo".
Earthlings è sconsigliato ad un 'pubblico sensibile', si legge nei titoli di testa, addirittura in America è vietato ai minori di 16 anni, noi invece lo consigliamo ai ragazzi e ai bambini - specialmente quelli che vivono in città e non hanno mai contatti con gli animali - in modo che da subito riescano a comprendere la realtà che li circonda.

 

"The cove" La baia dove muoiono i delfini.

Ric O'Barry l'addestratore dei delfini che alcuni di noi vedevano alla tv nella famosa serie "Flipper", nome con cui chiamavano il delfino che ci facevano credere fosse il protagonista, ma che purtroppo ne nascondeva almeno altri tre usati o sfruttati per le diverse scene. Ric O'Barry dopo aver assistito personalmente al suicidio dovuto alla reclusione in una vasca di uno dei delfini, decise di combattere contro il proprio lavoro di addestrattore e soprattutto contro i suoi finanziatori, tanto da finire, già il giorno seguente la morte del povero cetaceo, anch'egli dietro le sbarre.
Dopo diverse battaglie riuscì con l'aiuto di diverse associazioni a recarsi nel luogo dove i cetacei vengono tutt'ora catturati, sia per venderli ai parchi che per diventare cibo a seconda del parere dei cosiddetti esperti, che riescono a decidere quando un delfino è commestibile oppure addestrabile, in Giappone nella cittadina di Taiji. Dopo esser riusciti  a recarsi a Taiji, tramite azioni da fare invidia ai servizi segreti, riescono a filmare la mattanza e la cattura raccogliendo il tutto in questo documentario intitolato The Cove, letteralmente "La Baia dove muoiono i delfini", di cui consigliamo a tutti la visione in modo da comprendere il motivo per cui tali "Parchi dell'orrore" vadano boicottati semplicemente non andandoli a visitare.
Dopo la visione di questo documentario sarete liberi di scegliere se andarci o meno, dopo averlo visto sarete fiondati in prima linea a decidere il destino e la sorte di questi poveri mammiferi acquatici. Non dimenticate che anche in Italia esistono questi Parchi acquatici dove ogni anno trovano la morte decine di mammiferi marini provenienti sempre dalla stessa baia e condannati ad una vita di reclusione e schiavitù. 

Qualche esempio nel video seguente:

Un video per far capire quanto sia grande la sofferenza dei delfini tenuti in cattività per il divertimento umano.
 

 ESCAPE='HTML'

In alto: La prigionia di un'Orca in un parco di proprietà della Sea World in America. Quando non si esibiscono vengono rinchiuse in queste piccole piscine, che vista la mole del povero cetaceo possono essere paragonate a semplici vasche da bagno.
 

Video: Difesa del Falco della Regina

Per gentile concessione dell'attivista Francesco Mirabito